Cultura

Il “Paradiso Terrestre” dei Conti Ottolenghi ha ospitato la cerimonia di premiazione dell’XI edizione del Premio Acqui Ambiente

Il “Paradiso Terrestre” dei Conti Ottolenghi ha ospitato la cerimonia di premiazione dell’XI edizione del Premio Acqui Ambiente

Il “Paradiso Terrestre” dei Conti Ottolenghi ha ospitato la cerimonia di premiazione dell’XI edizione del Premio Acqui Ambiente

Grande successo di pubblico e di stampa per la cerimonia conclusiva dell’XI edizione del Premio AcquiAmbiente, con la presenza degli inviati dei telegiornali di Rai, Mediaset e di molti network privati. Domenica 2 luglio i vincitori sono stati premiati nel suggestivo scenario del parco del Mausoleo di Villa Ottolenghi, disegnato dall’architetto paesaggista Pietro Porcinai e battezzato dai conti Ottolenghi “Paradiso terrestre”, che quest’anno, per la prima volta, ha aperto le porte al pubblico dell’Acqui Ambiente rivelando il suo prestigioso patrimonio artistico e naturalistico, compresi i 700 metri quadrati degli affreschi e dei mosaici dell’Accademico d’Italia Ferruccio Ferrazzi.

Per la sezione opere a stampa hanno trionfato Fulco PRATESI, con il volume In nome del panda. La mia lunga storia d’amore con la Natura, Castelvecchi, e Stefano ZECCHI, con il volume Paradiso Occidente. La nostra decadenza e la seduzione della notte, Mondadori.

Il nuovo Sindaco di Acqui Terme Lorenzo Lucchini e Carlo Sburlati, ideatore nel 2010 del Premio Speciale Testimone dell’Ambiente, hanno voluto premiare quest’anno tre personalità di rilievo a livello internazionale, provenienti da ambiti diversi ma ugualmente sensibili al tema dell’ambiente, Giorgio Calabrese, Emanuela Rosa-Clot e Umberto Vattani.

Sono ormai famosi gli interventi del Professor Giorgio Calabrese, medico nutrizionista, in varie trasmissioni televisive, da a Porta a porta, a Uno Mattina a Linea Blu e molto diffusi presso il grosso pubblico i suoi libri sull’alimentazione, il benessere e l’importanza di un fisico equilibrato e tonico. E’ Docente di Alimentazione e Nutrizione Umana presso l’Università di Torino e presso l’Università del Piemonte Orientale. E’ membro attivo della New York Accademy of Sciences e della American Association for the Advancement of Science di Washington. E’ stato membro dell’European Food Safety (E.F.S.A.) a Bruxelles dal 2002 al 2008. E’ Presidente del Comitato Nazionale di Sicurezza Alimentare del Ministero della Salute e Presidente del Comitato Nazionale Alimenti di origine animale. È stato Consulente Scientifico di “ EXPO 2015’’ del Comune di Torino per la gestione dietetica ed è il dietologo ufficiale della JUVENTUS F.C.

Emanuela Rosa-Clot è una giornalista italiana che si è distinta nell’ambito naturalistico e botanico. È direttrice di Gardenia, Bell’Italia, Bell’Europa e In Viaggio, dopo aver lavorato alla Notte, a TV Sorrisi e Canzoni e a Panorama. Nel 2002 ha contribuito a progettare e a lanciare la rivista Natural Style. Con il suo impegno costante nella diffusione al grande pubblico delle bellezze artistiche e naturalistiche dell’Italia e dell’Europa, di un turismo culturale rispettoso dell’ambiente, delle specificità eno-gastronomiche del territorio e della cultura del giardinaggio, della flora e dell’orticoltura, ha saputo coniugare il desiderio di fare conoscere nuovi giardini pubblici e privati e la promozione di un turismo sensibile alla sobrietà naturalistica, con la convinzione che il bello autentico talvolta si nasconde dietro paesaggi, monumenti e centri storici il più possibile lasciati vivere nella loro autenticità.

L’Ambasciatore Umberto Vattani, nel corso della sua straordinaria ed intensa attività di tutta la vita come Ambasciatore in Germania e a Bruxelles presso l’Unione Europea, come due volte Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri dell’Italia, come ultimo Presidente dell’Istituto Nazionale per il Commercio Estero, ideatore della Collezione di Arte Contemporanea Italiana alla Farnesina e nelle più importanti sedi diplomatiche estere e attuale Presidente e Rettore della Venice International University all’Isola di San Servolo della Città lagunare, dove si svolgono importanti Master di cultura ambientale internazionale, ha dato un eccezionale contributo alla promozione e

alla difesa dell’identità ambientale, culturale, artistica italiana. In particolare la Venice International University, in collaborazione con 17 prestigiosi Atenei di varie parti del mondo: tra i vari temi globali proposti agli studenti nel semestre primaverile ha avuto come focus proprio le politiche ambientali e lo sviluppo sostenibile. La Venice International University si presenta come qualcosa di unico nel panorama accademico mondiale.

Una personalità d’eccezione ha ricevuto l’altro massimo riconoscimento del Premio, intitolato a Ken Saro Wiwa: Pier Francesco Bernacchi, Presidente della Fondazione Nazionale Carlo Collodi. Assegnato ad Acqui Terme nel 2006 allo scrittore Mauro Corona, nel 2009 a Folco Quilici, nel 2011 a Vittorio Sgarbi e nel 2013 a Joseph Ratzinger – Benedetto XVI, è stato consegnato quest’anno alla Fondazione Nazionale Carlo Collodi di Pescia, che ha edito nel 1983 l’edizione principe e ufficiale del Centenario del Pinocchio, con le celebri 309 xilografie originali in bianco e nero e a colori di Sigfrido Bartolini, e che gestisce il Parco di Pinocchio a Pescia, realizzato dagli architetti Pietro Porcinai e Giovanni Michelucci e con le sculture di Emilio Greco e Pietro Consagra e il meraviglioso Giardino storico settecentesco di Villa Garzoni. Il Premio è stato consegnato al suo Presidente Pier Francesco Bernacchi.

Una targa speciale è stata inoltre consegnata a Paolo Massobrio, Matteo Melchiorre, Emma Moriconi e Gabriele Valle

Conduttore della manifestazione Mauro Mazza, direttore di Rai Uno e del TG2, volto molto amato della televisione, noto per la sua verve e la sua abile conduzione delle ultime edizioni dell’Acqui Storia, che ha intervistato i premiati di questa edizione del Premio AcquiAmbiente e che ha saputo coinvolgere il pubblico con ironia e ritmo incalzante.

I Premi Acqui Ambiente e Acqui Storia nei loro quasi cinquant’anni di storia hanno ottenuto il patrocinio del Presidente della Repubblica Italiana, del Presidente del Consiglio, del Presidente del Senato, del Presidente della Camera dei Deputati, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Ministero dell’Ambiente e sono sostenuti dagli enti promotori la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, massimo Ente finanziatore del Premio, la Regione Piemonte, la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, il Comune di Acqui Terme, cui fa capo la concreta organizzazione della manifestazione.

Il Premio AcquiAmbiente è realizzato con il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, della CTE Spa e del Gruppo Benzi.

Pubblicato in Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *