lunedì 27 Maggio 2024 - Anno 33

RACCONTARE LA VITA

Partner

Tavola rotonda per il centenario della nascita di Camilla Salvago Raggi

 Camilla Salvago Raggi è nata il 1o marzo 1924 ed è mancata il 6 aprile 2022. Della sua lunga vita ci ha raccontato tutto (o quasi) in una sequenza di romanzi sapientemente scaglionati nel tempo, non senza un certo gusto della suspense. Al centro dei suoi interessi c’erano la casa, anzi le case, con quanto vale a connotarle (dagli arredi, ai libri, ai quadri, ai gatti, agli alberi che le circondano), ma anche i familiari, gli usi e i costumi del tempo che fu, gli antenati e gli esponenti di una illustre prosapia ormai giunta allo stremo: un mondo, il suo mondo, insomma, evocato e descritto con una partecipazione emotiva in cui all’assillo del tempo si mescola la dolce-amara consapevolezza della imprevedibile «originalità» della vita e della sua inarrestabile deriva.
L’intera sua opera si può leggere come uno strenuo tentativo di opporsi all’entropia dell’esistenza, per salvarne se non altro la traccia nel “doppio speculare” della scrittura. Sulla carta si assiepano i ricordi personali, più volte ma con verve sempre nuova inanellati, ma tornano pure a vivere, per arte medianica, donne, uomini, case e cose di un passato remoto, evocati e, per così dire, rianimati dalla forza di un’immaginazione amorosa che non conosce confini di tempo e di spazio.
Camilla aveva (ed ha tuttora) amici ed estimatori anche ad Acqui Terme, dove era spesso di casa e dove tutti la ricordano perché da lei partì l’idea di dedicare un premio letterario alla memoria dei soldati italiani della Divisione Acqui trucidati dai tedeschi a Cefalonia. A sollecitarla era stato il clamoroso successo del romanzo Bandiera bianca a Cefalonia di Marcello Venturi, suo marito: romanzo che contribuì a riscattare dall’oblio una vicenda di guerra destinata a diventare una delle prime pagine della Resistenza. Dalla proposta di Camilla nacque dunque il “Premio Acqui Storia”.
Per un debito di riconoscenza e per ricordare la donna, la scrittrice e l’animatrice culturale nel primo centenario della nascita, la città di Acqui ha deciso di dedicarle una Tavola Rotonda, che si terrà presso la Sala Conferenze Kaimano, Via Maggiorino Ferraris, venerdì 17 maggio 2024, alle ore 16,30.
L’Assessorato alla Cultura del Comune di Acqui Terme è lieto di confermare la partecipazione all’evento dei seguenti Relatori: Stefano Verdino, docente di Letteratura Italiana dell’Università di Genova e membro dell’Accademia Ligure di Scienze e Lettere, nella duplice veste di relatore e moderatore; Adriano Icardi, docente e senatore emerito; Carlo Prosperi, già docente di Italiano e Latino nei Licei; Paolo Repetto, saggista, già docente e dirigente scolastico; Lionello Archetti Maestri, storico locale, già documentalista presso la Biblioteca Civica di Acqui; Arturo Vercellino, docente emerito di Storia dell’Arte.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Partner

Ultimi Articoli