giovedì 24 Giugno 2021

LA REGIONE PIEMONTE STANZIA 40 MILIONI DI EURO PER L’INCLUSIONE LAVORATIVA DELLE PERSONE CON DISABILITA’

Partner

Sono 40 i milioni di euro dedicati all’inclusione lavorativa per le persone con disabilità.
La delibera di giunta, finanziata principalmente con le risorse del Fondo regionale disabili, porta il nome dell’Assessore Regionale al Lavoro e Istruzione Elena Chiorino.
“Un intervento assolutamente necessario: il primo strumento di inclusione per una persona con disabilità è proprio il lavoro – ha spiegato il Capo di Gabinetto dell’Assessore, Claudio Bonante – in Italia il diritto al lavoro delle persone con disabilità, disciplinato dalla L. 68/1999, viene messo in pratica attraverso servizi di collocamento mirato, nel rispetto delle abilità e attitudini delle persone.
In un contesto segnato da emergenze sociali costanti e dal perdurare delle difficoltà di un inserimento lavorativo stabile per le fasce di popolazione più svantaggiate era urgente attivare provvedimenti per sopperire alla contrazione della domanda di lavoro e creare nuove opportunità di occupazione per i target più deboli.”
Il progetto vedrà la sinergia tra Regione Piemonte e Agenzia Piemonte Lavoro attraverso i Centri per l’Impiego che operano sul territorio.
L’obiettivo sarà garantire l’accesso, la permanenza e la qualificazione dell’occupazione delle persone con disabilità attraverso interventi mirati all’inserimento o re-inserimento al lavoro, al mantenimento lavorativo, all’inclusione sociale; non mancheranno percorsi orientativi e formativi di raccordo scuola/lavoro.
Altro tassello fondamentale sarà la sinergia con il mondo della scuola e dell’università: “Considerata la particolare difficoltà nella fase di transizione dal mondo della scuola a quello del lavoro – ha sottolineato Claudio Bonante – saranno promossi degli interventi in stretta collaborazione con il mondo della scuola e della formazione, per accompagnare i giovani in questa fase di passaggio.
Già a partire dalle classi superiori del 3°, 4° e 5° anno saranno organizzati dei percorsi mirati e personalizzati, sia all’interno degli strumenti di programmazione già esistenti, sia eventualmente attraverso la creazione di nuove misure ad hoc. Tutte misure che potranno essere messe in atto grazie alla determinazione di Fratelli d’Italia in Regione e, in particolare, dell’Assessore Elena Chiorino, da sempre attenta e sensibile a queste tematiche”
Alla luce degli indirizzi nazionali e di uno sviluppo integrato delle competenze, sarà data particolare attenzione al rafforzamento delle competenze digitali, più che mai necessario sia per l’inserimento lavorativo sia per un’adeguata possibilità di fruizione dei diritti sociali che sempre più richiedono conoscenze informatiche, oltre che delle possibilità di miglioramento della propria vita privata.
Saranno utilizzati dei Buoni Servizi Lavoro, già utilizzati nel corso della precedente programmazione, oppure dei tirocini da parte dei Centri per l’Impiego oltre a misure di sostegno per le imprese con interventi formativi ad hoc.
Al 31 dicembre 2020 erano 52.241 gli iscritti alle “liste speciali” con una netta prevalenza di invalidi civili (96%): tra le patologie prevalgono i disabili fisici cui seguono le disabilità di tipo psichico e sensoriale. Sul fronte della offerta di lavoro, le aziende che hanno presentato il prospetto, al 31 gennaio 2021, sono state 9.767.
La risposta più efficace non poteva che essere, appunto, una progettazione integrata tra politiche economiche sociali e welfare.
Tutti i progetti dovranno concludersi con un esito occupazionale, sia esso un percorso di alternanza scuola lavoro, di impresa formativa o di impresa simulata, oppure un inserimento lavorativo vero e proprio attraverso un contratto stabile oppure un tirocinio per favorirne l’inserimento nel mercato del lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Partner

Ultimi Articoli