mercoledì 24 Luglio 2024 - Anno 33

“LIRICHE SCELTE” di Alfredo Alessio Conti

Partner

“Liriche scelte” di Alfredo Alessio Conti (Guido Miano Editore, 2024 pp.104 € 16.00) è una sincera offerta poetica all’amore per la vita e all’osservazione del mondo. Il poeta espone il limite esistenziale per preservare l’uomo dall’impenetrabile male della solitudine contemporanea e trasmettere l’incognita riservatezza di ogni pensiero o sentimento. Riconosce la confessione come il culto fedele e devoto di una rivelazione, nella confidenza segreta e sovrumana di ogni verso, ispirato dalla fenomenologia delle sensazioni, nella coscienza intenzionale della realtà, nella destinazione confusa e smarrita dell’anima, oltre l’enigma di ogni scudo sensibile, intangibile e indecifrabile. Alfredo Alessio Conti sceglie di racchiudere il suo principio trascendentale in ogni riflessione conoscitiva del possibile, accerchia il disagio della condizione umana nelle inevitabili oscillazioni tra la vacuità e la responsabilità, ritrova nella prospettiva di una morale della donazione l’essenza speculativa del significato caritatevole della generosità e della fratellanza.
Comunica la scoperta primordiale della volontà, nella potenzialità espressiva di inaugurare l’autentica analogia con gli altri, in un riscatto della dignità e delle aspettative, confronta il tempo imperturbabile della ragione e lo spazio romantico dell’esperienza.
La poesia di Alfredo Alessio Conti esclude da ogni ostacolo intellettuale l’inquietudine errante delle sentenze, aggira il recinto aspro e ruvido della condanna, evidenzia la verità amara dell’inconsistenza, insegue la traiettoria della nostalgia, nell’indugio malinconico e ingannevole delle illusioni, nello svolgimento intimo delle sconfitte ma anche nella rivincita nell’accoglienza inaspettata e imprevista dei desideri.
Alfredo Alessio Conti considera, nella comprensione di una maturità empatica, le inarrestabili  complessità dell’umanità, ne ascolta la deriva eclissata della vita interiore, guarda dentro l’abitudine solitaria del vuoto e il sospiro doloroso del silenzio, congiunge il tormento della solitudine alla capacità evocativa e riflessiva che l’isolamento rimanda e assicura, nella generosa ambivalenza emotiva, nell’esordio di una coesistenza di pulsioni opposte, nella contraddittorietà tra l’invisibile trama del raccoglimento spirituale e il disegno materiale del caos. Alimenta un’intuizione letteraria profondamente religiosa, segnata dalla consapevolezza di un legame illuminante con l’origine, nella valutazione della propria visione spirituale, istintiva e filosofica, nell’esercizio speculativo di una relazione dinamica in cui si manifesta l’appartenenza a uno spazio di identità, si colma una distanza, si accoglie e si ospita il credo. I testi di Alfredo Alessio Conti attraversano asceticamente il rito di passaggio tra l’attesa e la speranza, riportano alla luce la sorgente teologica, etica ed estetica, della misericordia, nel cammino faticoso della sofferenza e del distacco.
“Liriche scelte” è un’opera prestigiosa, che contiene la radice fondamentale della decadenza e la misura divina della rinascita e della risurrezione, raccoglie il logos poetico nell’interezza della sapienza, incarnata nell’eredità di ogni valore. Alfredo Alessio Conti abita il luogo privilegiato della poesia, nella premessa semantica dell’esistere, dilata la matrice insondabile dell’inafferrabile nella provvidenzialità di ogni segno e orientamento d’intensità. Assiste l’invito a rintracciare la soglia percettiva per un nuovo inizio, nell’immensità del vivere. 

Rita Bompadre
Centro di Lettura “Arturo Piatti”

DA DOVE
Da dove viene la poesia
se non dalle profondità
oltre lo spazio indefinito
al di là del tempo
nel Logos e nel Kaos primordiale.
Rimane il mistero
impenetrabile
nella risposta.

SEPOLTE
Ho bisogno di rintracciare
nella memoria dei tempi
chi sono e da dove vengo.
Quali domande avranno risposte
prima che la mia vita finisca, ma
rimarranno sepolte con me.

NAUFRAGO
Mi sono
sdraiato
sulla spiaggia,
tra le diverse
orme
lasciate
sulla sabbia,
naufragi
nella mia
solitudine.

NUOVA VITA
Quando
non eravamo
ancora nati
io e te
saremmo stati
Amore.
Come fiori
che aprono
la corolla
alla luce del sole,
tra i semi caduti
faremo germogliare
nuova vita.

LOGOS
Quante volte ti sei chiesto
in quale parte dell’universo
ti poni oh uomo, e
nel tuo silenzioso silenzio
rimani retto nei tuoi pensieri
osservando il nulla del creato
nel cielo buio dell’esistenza.
Scruti le stelle
oltre il nero del cielo e lassù
intravvedi il logos generato
risposta ad ogni domanda.

CREDO
Sulla solitaria
isola
giaccio
con la bassa marea
come ostrica
senza perla
sulla terra ferma.
Nell’attesa
dell’onda
salvatrice
credo
in un Dio
misericordioso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Partner

Ultimi Articoli