martedì 16 Luglio 2024 - Anno 33

CONCORSO REGIONALE DI POESIA DIALETTALE

Partner

Il Concorso Regionale di Poesia Dialettale è giunto alla XXXVI edizione.
La “macchina” organizzativa del Concorso Regionale di Poesia Dialettale riparte nel 2023 con la pubblicazione e la stampa del bando della XXXVI edizione, un appuntamento sul quale si concentra l’attenzione di Autori affermati ed esordienti (bando scaricabile dal sito http://acquipoesia.comune.acquiterme.al.it/).
Nato da un’idea di Cino Chiodo, il concorso organizzato dal Comune di Acqui Terme in collaborazione con la Confraternita dei Cavalieri di S. Guido d’Acquosana, consta di due sezioni:
poesie a carattere eno-gastronomico tendenti a mettere in risalto vini e cibi della tradizione popolare piemontese, patrimonio della nostra terra e delle nostre genti
poesie a tema libero
Al concorso possono partecipare poeti dialettali piemontesi, ovunque residenti, con una composizione per ogni sezione. Le composizioni inedite, in dialetto o lingua piemontese, dovranno pervenire, secondo le modalità indicate dal bando, all’Assessorato alla Cultura entro il 31 agosto 2023.
Al primo classificato, nelle due sezioni, sarà conferito un premio pari a € 300,00. Saranno poi consegnati i premi al secondo e al terzo classificato e il Premio Speciale Mario Merlo.
La cerimonia di premiazione si terrà presso la Sala Conferenze di Palazzo Robellini domenica 1 ottobre p.v.

REGOLAMENTO
1) L’Assessorato alla Cultura del Comune di Acqui Terme e la Confraternita dei Cavalieri di San Guido d’Acquosana promuovono ed organizzano il Concorso Regionale di Poesia Dialettale XXXV PREMIO “CITTÀ DI ACQUI TERME CAVALIERI DI SAN GUIDO D’ACQUOSANA”
2) Il concorso è suddiviso in due sezioni: a) poesie a carattere eno-gastronomico tendenti a mettere in risalto vini e cibi della tradizione popolare piemontese, patrimonio della nostra terra e delle nostre genti. b) poesie a tema libero.
3) È libera la partecipazione sia ad una che a tutte e due le sezioni di cui all’art. 2.
4) Al concorso possono partecipare poeti dialettali piemontesi ovunque residenti, con una composizione per ogni sezione.
5) Le composizioni inedite in dialetto o lingua piemontese, accompagnate dalle relative versioni in lingua italiana, dovranno essere redatte in CINQUE copie dattiloscritte o fotocopiate e pervenire entro e non oltre il 29 agosto 2022 al seguente indirizzo: CONCORSO POESIA DIALETTALE Comune di Acqui Terme – Assessorato Cultura Piazza A. Levi, 12 (primo piano) 15011 ACQUI TERME (AL) XXXVI PREMIO “CITTÀ DI ACQUI TERME CAVALIERI DI SAN GUIDO D’ACQUOSANA” 31 agosto 2023
6) Ogni elaborato dovrà riportare unicamente l’indicazione della sezione (A o B), non dovrà contenere né segni identificativi né note esplicative e dovrà pervenire in busta chiusa anonima riportante la dicitura “CONCORSO REGIONALE DI POESIA DIALETTALE” all’interno della quale dovrà essere inserita una seconda busta sigillata contenente: nome, cognome ed indirizzo dell’autore.
7) Le poesie in regola con il presente regolamento saranno esaminate dalla Commissione Giudicatrice (la cui composizione sarà conosciuta solo all’atto della premiazione) che assegnerà, a suo insindacabile giudizio, i premi in palio.
8) Gli elaborati non verranno restituiti. Gli organizzatori si riservano il diritto di pubblicare le poesie premiate o segnalate, ritenendosi sollevati da qualsiasi responsabilità o pretesa nei confronti degli autori o di terzi.
9) Il verbale della commissione giudicatrice verrà inviato a tutti i concorrenti premiati e segnalati nelle due sezioni; la premiazione avrà luogo in Acqui Terme domenica 2 Ottobre 2022. La manifestazione si svolge con il patrocinio della FEDERAZIONE ITALIANA CONFRATERNITE ENOGASTRONOMICHE 1 ottobre 2023.

Il Concorso Regionale di Poesia Dialettale è giunto alla XXXVI edizione: annuncio con orgoglio la pubblicazione del bando di questa importante iniziativa che ogni anno conferma il valore che l’Amministrazione del Comune di Acqui Terme ripone nella tutela della cultura e del linguaggio della nostra comunità. La poesia dialettale esprime la realtà di un mondo vivo e pulsante, l’uso del dialetto permette il ricorso ad un linguaggio realistico intimamente aderente alle situazioni e ai caratteri dei personaggi che lo adottano e lo animano.
Il rapporto con la lingua dialettale è sempre e prima di tutto emotivo: Pier Paolo Pasolini vedeva nel dialetto l’ultima sopravvivenza di ciò che ancora è puro e incontaminato, il mezzo espressivo più autentico che, come tale, doveva essere “protetto”.
Lo stesso Pasolini osservava “La verginità del dialetto, con quanto di equivoco può in essa sussistere, correda subito di una ragione poetica … gli oggetti che semplicemente vengono.” (cit. Sulla poesia dialettale, 1947) Nato da un’idea di Cino Chiodo, il concorso è organizzato dal Comune di Acqui Terme in collaborazione con la Confraternita dei Cavalieri di S. Guido d’Acquosana, alla quale esprimo la mia più sincera riconoscenza per l’impegno che puntualmente dedicano all’evento
PREMI
Premio Città di Acqui Terme Al primo classificato nelle sezioni A e B 300,00
Premio speciale “Mario Merlo” medaglie d’oro – d’argento – targhe – diplomi non si accettano deleghe per il ritiro dei premi in palio e delle menzioni speciali.

Il Sindaco Dott. Danilo Rapetti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Partner

Ultimi Articoli