mercoledì 12 Giugno 2024 - Anno 33

IL PREMIO “L’ORO DELLA BOLLENTE”

Partner

GLI AUTORI VINCITORI DELLA 1ª EDIZIONE

La prima edizione del Premio “L’Oro della Bollente” è stato bandito dal Comune di Acqui Terme, in collaborazione con la Pro Loco di Ovrano, nel mese di marzo: il premio, che nel nome richiama il proprio legame alla Città di Acqui, ha come obiettivo l’intenzione di valorizzare la tradizione storica e la gastronomia italiana, seguendo un percorso storico, culturale, enogastronomico, raccontando fatti, monumenti e ricette e sottolineando la portata culturale della pratica culinaria, che rappresenta un’importante risorsa per la costruzione di identità, memoria e appartenenze sociali in un preciso contesto storico-geografico.
La Città di Acqui Terme vanta la presenza di numerosi premi letterari, organizzati dall’Assessorato alla Cultura del Comune, dei quali il Premio Acqui Storia si conferma ormai da anni come un premio noto a livello nazionale e internazionale, fiore all’occhiello per la Città e tutto il territorio. Attraverso l’istituzione di questo nuovo concorso letterario, il Comune di Acqui Terme intende farsi promotrice di un processo di recupero e valorizzazione dell’enorme patrimonio delle antiche ricette che appartengono a ambiti storici, culturali e geografici diversi, in una sorta di viaggio nella storia, nella cultura e nelle tipicità. I “ricettari” sono prodotti editoriali che costituiscono un oggetto d’analisi molto interessante, come manifestazioni di una società in un’epoca: infatti, nel parlare di cucina parlano anche della società che li produce e della sua evoluzione. La loro potenzialità esplicativa, a proposito delle regole e delle variabili sociali che sottendono il culinario, è quindi forte.
La 1ª edizione del Premio “L’Oro della Bollente” ha registrato subito un buon successo di partecipazione da parte di Editori e Autori.  I volumi sono stati valutati da una Giuria esperta, composta da figure di spicco in ambito storico e gastronomico: Sig. Stefano Bongiovanni (Presidente Soci Escoffier Piemonte); Dott.ssa Paola Dubini (Professore Associato Università Bocconi); Dott. Ermanno Alfonso Matarazzo (Giunta Consiglio Nazionale FISAR); Dott. Riccardo Milan (Giornalista e Consigliere Nazionale UNPLI); Dott. Aldo Rodino (Storico Discepoli Escoffier).
Tra i partecipanti la Giuria ha selezionato vincitori ex aequo Napoleone Neri con il volume Tortellinata. Storia, evoluzione e ricette dal Medioevo a oggi, Pendragon Edizioni e Massimo    Montanari con il volume    Amaro.
Un gusto italiano –
Gius. Laterza & Figli S.p.a.
Il volume di Napoleone Neri, Tortellinata. Storia, evoluzione e ricette dal Medioevo a oggi fornisce un interessante excursus storico, culturale e culinario del piatto principe della cucina bolognese: il tortellino. Avvincente il contesto aneddotico che investe tutte le classi sociali, così da ben illustrare l’evoluzione di un prodotto testimonial non solo di un singolo territorio regionale bensì della tradizione culinaria nazionale.
Il volume di Massimo Montanari, Amaro. Un gusto italiano, è senza dubbio originale sia per la particolarità dell’argomento affrontato sia per l’approccio espositivo. Da una parte l’evoluzione, la storia, l’utilizzo delle erbe, delle verdure, della frutta fresca e secca dalla predominante connotazione amara, dall’altra la capacità di tale connotazione di influire positivamente sulla sensibilità gustativa dei commensali italiani. Senza dubbio capace di suscitare interesse, oltreché accattivante.
La Giuria ha inoltre ritenuto meritorio di citazione il volume di Maria Teresa Taverna Ricette di famiglia, LAR Editore. Si tratta di una Menzione speciale per un lavoro improntato a ricordare la tradizione culinaria del territorio alessandrino e Monferrato. Uno spaccato culinario condito da un viaggio nei ricordi: il pranzo di Natale, il pranzo di Pasqua, la descrizione delle singole intramontabili prelibatezze. Tanto per ricordarci che la vera innovazione è costituita dal ritorno alle origini.
“Acqui Terme patria del bel vivere e del buon cibo: questa nuova e prestigiosa iniziativa arricchisce ancora di più la nostra Città dal punto di vista culturale e culinario, e va ad inquadrarsi in un contesto di rassegne già fitto ed affermato che riflette con lucentezza le vocazioni del territorio. Le ricchezze che si possono trovare ad Acqui sono “cibo” per il corpo e per la mente, e alternandosi l’un l’altra, vino-salumi-tartufi-e non ultimi libri!, alimentano e nutrono come un prezioso ingrediente le vite degli acquesi e la vita della Città. Non posso fare altro che ringraziare l’amico Claudio e tutti i suoi fedelissimi per l’ennesimo ottimo lavoro svolto. – afferma il Sindaco di Acqui Terme dott. Danilo Rapetti.
L’Assessorato alla Cultura del Comune di Acqui Terme si dimostra sempre aperto a nuove iniziative che abbiano come scopo principale la promozione della cultura. Il Premio “L’Oro della Bollente” è un progetto ambizioso, ideato grazie alla preziosa collaborazione di Claudio Barisone, Presidente Discepoli Escoffier Italia, e volto a valorizzare la cultura gastronomica locale e nazionale attraverso pubblicazioni che sottolineano il forte legame tra la tradizione storico, il contesto culturale e l’arte culinaria  – afferma l’Assessore alla Cultura dott. Michele Gallizzi – Siamo orgogliosi di poter annunciare il successo della prima edizione di questo nuovo concorso letterario che, a pieno titolo, si affianca ai prestigiosi premi organizzati dal Comune di Acqui”.
Soddisfazione ed entusiasmo” – dichiara il Presidente della Pro Loco di Ovrano, nonché neo Presidente Discepoli Escoffier Italia, Claudio Barisone – “Questa prima edizione del Concorso Letterario l’Oro della Bollente è stata un vero successo. Il merito di questo importante risultato, considerato la specificità del tema trattato, non può che essere attribuito alla grande collaborazione e disponibilità messa in campo da tutti gli organizzatori primi tra tutti l’Amministrazione Comunale e i funzionari del Comune di Acqui Terme che hanno creduto con forza in questo progetto, adoperandosi con entusiasmo. La cerimonia di premiazione del premio sarà un momento di festa e di incontro nella quale sarà possibile scoprire i prossimi progetti messi in campo. Grazie ancora a tutti per l’ottimo lavoro svolto e per il sostegno che si vorrà donare in futuro”.
La prima edizione del Premio “L’Oro della Bollente” si concluderà con la cerimonia di consegna dei premi che avrà luogo venerdì 1° dicembre 2023 alle ore 17:30 presso la Sala del Consiglio del Comune di Acqui Terme, Piazza Levi, Acqui Terme e prevede il seguente programma:
Presentazione Ufficiale del Progetto didattico nazionale “Coltiviamo Futuro”
attività didattica / laboratoriale curriculare per l’educazione alimentare e gastronomica dei bambini
Presentazione in anteprima della bozza del Libro “I menù ritrovati di A. Escoffier – Silvestro Cavallito”
Anteprima mondiale della raccolta dei menù e delle ricette inedite del maestro Escoffier, a seguito dell’importante ritrovamento legato al discepolo italiano Silvestro Cavallito
Cerimonia di Premiazione del Premio L’Oro della Bollente
Premio letterario sulla tradizione storica e gastronomica italiana con la partecipazione del Dott. Michele Scognamiglio
Interverranno Dott. Danilo Rapetti – Sindaco di Acqui Terme, Onorevole Enzo Amich, Marco Protopapa – Ass. Cibo Caccia e Pesca Regione Piemonte, Dott. Michele Gallizzi – Ass. Cultura Turismo Commercio del Comune di Acqui Terme

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Partner

Ultimi Articoli