mercoledì 19 Giugno 2024 - Anno 33

LO SPORTELLO LEGALE

Partner

Rubrica a cura dell’Avvocato Piera Icardi
Inviate i vostri quesiti a: info@prima-pagina.com – Lo sportello legale 

MANTENIMENTO ORDINARIO E STRAORDINARIO
Come e chi quantifica l’ammontare del mantenimento dovuto per i figli minori,   quali sono le spese straordinarie  e in che misura devono contribuire entrambi i genitori?

Da sempre,  chi deve mettere mani al portafoglio  si lamenta che paga  troppo, mentre chi riceve,  si duole che ha ricevuto troppo poco; come mettere tutti d’accordo?
Qualora non  si giunga ad un accordo è necessario rivolgersi al Giudice che quantificherà l’ammontare del mantenimento dovuto   dopo aver valutato le necessità  della prole,  le capacità contributive  dei genitori e  le loro risorse economiche.
La valutazione sarà di tipo globale e terrà conto anche della  collocazione prevalente dei figli e dell’assegnazione della casa coniugale.
In linea di massima rientrano nel mantenimento di tipo ordinario il vitto, il concorso alle spese di casa (canone di locazione, utenze, consumi), l’abbigliamento abituale  incluso il cambio di stagione,  le spese di cancelleria scolastica corrente, la mensa e i medicinali da banco.
Le spese di tipo straordinario  sono  caratterizzate da elementi di occasionalità, sporadicità e devono essere documentate, a cura di chi le anticipa,  da fatture e/o ricevute.
Rientrano tra le spese extra-assegno, per esempio, le spese sanitarie non coperte dal SSN, le tasse e le assicurazioni scolastiche, il centro estivo, l’abbonamento al trasporto pubblico, i libri di testo e il materiale   indicato dagli insegnanti all’inizio dell’anno scolastico, il compenso per  la baby-sitter e molte altre.
Al fine di individuarle esattamente e  capire per quali di esse  è necessario il preventivo accordo tra i genitori,  si consiglia di  far riferimento al  protocollo stilato dal proprio Tribunale di competenza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Partner

Ultimi Articoli