giovedì 23 Maggio 2024 - Anno 33

ROTARY E ROTARACT OVADA: AL VIA IL “PREMIO LUIGI BOVONE 2024”

Partner

Il Rotary Club Ovada del Centenario, con la collaborazione del Rotaract Club Ovada del Centenario, ha bandito un concorso – “Premio Luigi Bovone 2024” – finalizzato a coinvolgere studenti delle ultime tre classi dell’Istituto di istruzione secondaria. Barletti e dell’Istituto Santa Caterina Madri Pie.
Quest’anno, gli studenti hanno la possibilità di approfondire temi fortemente attuali e particolarmente vicini agli interessi delle “Nuove Generazioni” quali le reti sociali e il marketing digitale, l’inflazione e l’intelligenza artificiale e con una novità”, affermano Maria Clementina (Titti) Dagna e Francesco Cavanna, presidenti rispettivamente del Rotary Club Ovada del Centenario e del Rotaract ovadese, i quali aggiungono: “la novità riguarda il primo tema (intelligenza artificiale). Chi sceglierà questo tema potrà partecipare anche al concorso indetto dai Distretti italiani del Rotary il cui titolo è lo stesso scelto da Ovada. Quest’anno, si offre quindi una ulteriore opportunità agli studenti ovadesi”.
Più in particolare, questi i temi: “Intelligenza artificiale a breve, tra opportunità, rischi e possibili illegalità. Viaggio verso l’ignoto: evoluzione o declino?”; “Social network e digital marketing: come influenzano le scelte delle persone e con esse il futuro dell’umanità. Quanto è importante la consapevolezza delle fonti informative? La manipolazione di problemi con frasi ad effetto e la creazione di Fake news come strumento di marketing: il caso del Climate Change”; “Inflazione: nemico invisibile. Tra le possibili cause il conflitto russo-ucraino, come incide la geopolitica sull’economia? Osservare il ruolo delle banche centrali nella gestione dell’offerta di moneta, cosa si sarebbe dovuto fare? Cosa è stato fatto? Come in passato è l’economia reale ad influenzare le scelte finanziare, o la nascita della fintech ha invertito i ruoli?”

Gli elaborati dovranno essere consegnati al Rotary ovadese entro e non oltre il 15 febbraio 2024 e le premiazioni sono previste in aprile del prossimo anno.
Gli studenti possono partecipare in una delle seguenti modalità: Svolgimento di un elaborato scritto (sotto forma di tema, racconto breve o articolo elaborati anche attraverso software con supporto di immagini e/o video e/o audio che si ritiene più idonei) che sviluppi uno dei temi sopra riportati. L’elaborato dovrà avere la lunghezza massima di quattro cartelle dattiloscritte e dovrà recare, chiaramente indicati: il/i nome/i e cognome/i dello/gli studente/i, l’Istituto di provenienza, la classe di frequenza, il titolo del lavoro in riferimento al tema proposto. L’elaborato va consegnato su supporto informatico in formato digitale. Oppure, realizzazione di un progetto digitale tramite circa 10 post, contenenti immagini, stories e/o video, da pubblicare su un Social Media (es. Instagram, Facebook, …), con il fine di sensibilizzare, informare o proporre soluzioni su uno dei temi trattati, curando sia la parte grafica (foto o immagini) che le caption. È possibile anche creare una pagina Instagram ad hoc per sostenere l’iniziativa proposta o il punto di vista. Il progetto deve essere accompagnato anche da un elaborato scritto (di lunghezza pari a una pagina dattiloscritta circa) che argomenti il progetto, l’obiettivo da raggiungere sui Social, gli strumenti usati e il target. Dovranno essere chiaramente indicati sia in un post che nell’elaborato scritto: il/i nome/i e il/i cognome/i dello/gli studente/i, l’Istituto di provenienza, la classe di frequenza, il titolo del lavoro in riferimento al tema proposto. Inoltre, realizzazione di uno spot/corto amatoriale. Lo spot dovrà ispirarsi ai temi di cui sopra e non dovrà superare la durata massima di 60 secondi, mentre il corto amatoriale non dovrà superare i 3 minuti. Dovranno riportare nei titoli di coda, chiaramente indicati: il/i nome/i e il/i cognome/i dello/gli studente/i, l’Istituto di provenienza, la classe di frequenza, il titolo del lavoro in riferimento al tema proposto. Il prodotto va consegnato su opportuno supporto elettronico. Alternativamente, produzione di uno scatto fotografico originale, realizzato con tecnica a piacere. Lo scatto dovrà ispirarsi ai temi di cui sopra, essere riprodotto su formato A3 e dovrà recare sul retro, chiaramente indicati: il/i nome/i e cognome/i dello/gli studente/i, l’Istituto di provenienza, la classe di frequenza, il titolo del lavoro in riferimento al tema proposto. Lo scatto va consegnato su supporto informatico in formato digitale.
Il Premio Luigi Bovone, che è un fiore all’occhiello del Rotary Club ed è diventato un punto di riferimento della scena culturale ovadese, è nato 26 anni fa grazie a Ada Bruzzo Bovone, la quale, in ricordo del marito Luigi Bovone, istituì un concorso destinato agli studenti delle scuole superiori ovadesi. Dallo scorso anno, la famiglia Bovone ha aderito all’invito del Rotary Club Ovada del Centenario dando pieno appoggio affinché il premio possa proseguire l’attività,” sottolinea Dagna.
Luigi Bovone, un imprenditore che ha segnato profondamente la sua Ovada, rendendola un nome famoso nel mondo anche grazie all’omonima impresa da lui fondata e resa leader nel competitivo settore delle macchine per la lavorazione del vetro piano per l’industria dell’edilizia, dell’arredamento e quella dell’automobile. Bovone fu un attivo membro del Rotary.

Luigi Piola

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui

Partner

Ultimi Articoli